Mozione contro la Schiavitú Infantile


Share Button

All’inizio del secolo XXI , oltre 400 milioni di bambini al mondo sono schiavizzati.

Sono sfruttati e costretti a partecipare al mercato del lavoro nelle forme piú diverse:

Bambini soldati

Bambini sfruttate sessualmente

Bambini assassinati per spacciare i loro organi

Bambini che sono sfruttati lavorando in regime di schiavitú

Negando loro delle caratteristiche dell’infanzia, il gioco e l’istruzione vengono privati dalla vita.

Sono bambini schiavi, non sono bambini lavoratori.

Questo crimine globale, secondo le stime della OIL, lontano da sparire é in aumento ogni anno in numero ed in crudeltá.

Le CAUSE di questo crimine sono:

  1. Un sistema economico internazionale radicalmente ingiusto: grandi multinazionali e ed un sistema finanziario globale che cerca il massimo reddito e non fa ripari nell’ utilizzare ai bambini.
  2. Un sistema politico, con le grandi organizzazioni internazionali e tutti i partiti politici con rappresentazione parlamentaria, compresi gli spagnoli, che legittimano questa situazione e non hanno fatto niente per fermare questo crimine.
  3. Un sindacalismo dei paesi arricchiti che ha tradito la sua storia di lotta solidale. Con il suo silenzio verso la schiavitú infantile dimostra la sua complicitá e la sua insolidarietá con i lavoratori impoveriti.
  4. Una societá del primo mondo arricchita e che chiude gli occhi verso questa barbarie, dalla quale si aproffitta attraverso il consumo e che esibe ogni giorno i prodotti elaborati con manodopera di bambini schiavi.

“Diciamo NO AD UN MONDO DI SCHIAVI E DISSOCUPATI”

400 Milioni di bambini schiavi: CRIMINE POLITICO E SINDACALE

PROPONIAMO:

  1. Il boicottaggio a tutti i prodotti realizzati con lavoro da SCHIAVI.
  2. Non votare ai partiti politici che non rendono esplicito il loro impegno con delle proposte concrete contro questo crimine.
  3. Denunciare pubblicamente la manipolazione della coscienza a cui ci sottopongono i Media, che impediscono che si conosca il problema in tutte le sue dimensioni e la loro causa.
  4. Denunciare pubblicamente in strada, in maniera nonviolenta, le cause di questa schiavitú, fornendo la nostra voce a coloro che sono stati silenziati. Dissocupazione e Schiavitú Infantile hanno la stesse cause e pertanto, soluzioni comuni.

16 APRILE

GIORNO INTERNAZIONALE CONTRO LA SCHIAVITÚ INFANTILE

Il 16 aprile 1995 fu martirizato il bambino cristiano pakistano Iqbal Masih, dalle mafie tessili del Pakistan, é stato ucciso a 12 anni perché aveva denunciato internazionalmente “Non comprate tappeti fatti da bambini schiavi”, dichiaró a Boston quando ricevettte un premio per la sua lotta solidale.

Schiavo dai 4 anni, diede la sua vita per la denuncia delle cause di questo crimine.

PROPOSTA DI MOZIONE ________________ di _____________

Il Movimento Culturale Cristiano, Cammino Giovanile Solidale

PROPONGONO all’ ilustrissimo ________________ di accordare in Pleno:

PRIMO

  • Sostenere tutte quelle iniziative volte a denunciare pubblicamente questa situazione di schiavitú e far conoscere questa realtá.
  • Proponiamo di dedicare una via o piazza con la statua di Iqbal Masih.
  • Di proporre alla Comunitá l’inclusione nei programmi di studio la figura di Iqbal Masih per la diffusione della sua figura, cosí come la situazione di schiavitú che patiscono oggi 400 milioni di bambini al mondo.

SECONDO

  • Sostenere la dichiarazione del giorno 16 aprile, commemorazione della morte di Iqbal Masih, come giorno internazionale contro la Schiavitú Infantile. Iqbal Masih fu un bambino schiavo, militante del Fronte di Liberazione del Lavoro Forzato del Pakistan, da dove ha lottato contro la schiavitú infantile e riuscí a chiudere imprese in cui si sfruttavano minorenni. Il suo esempio é stato appreso a livello internazionale, fu premiato internazionalmente a Stocolma e Boston, e dedicó il premio ad aprire una scuola. Fu assassinato dalla “mafia dei tappeti” il 16 aprile 1995.

TERZO

  • Condurre questa denunia ai governi della Comunitá di _________, della Spagna e dell’Unione Europea sostenendo che in questa situazione imperialista come quella che viviamo non puó esserci un commercio equo e solidale. Esigere il bisogno urgente di un cambiamento delle instituzioni del commercio internazionale, e mentre si danno i passi per questo, che non entrino in Europa prodotti realizzati dai bambini schiavi. Chiudere e penalizzare le aziende che sfruttino bambini, sia direttamento o attraverso subfornitura. Legiferare e promuovere a livello internazionale la dignitá del lavoro adulto, con delle condizioni e stipendi che permettano sostenere la loro famiglia.

QUARTO

  • Contattare l’ Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) chiedendo la dichiarazione del 16 aprile come Giorno Internazionale Contro la Schiavitú Infantile ed esigere l’adozione di tutte le misure neccessarie per l’effettiva abolizione della schiavitú infantile e della dissocupazione, che hanno le stesse cause e pertanto le stesse soluzioni.

Se siete interessati ad ottenere ulteriore informazione o materiali, come pure l’invio degli accordi, si prega di contattare al indirizzo sotto elencato.

Ci auguriamo il suo impegno per l’abolizione di questo problema.

Más información en

Movimiento Cultural Cristiano: Monforte de Lemos 162, 28029 Madrid -913734086

 

Share Button